tagliolini-strigoli-e-prugnoli
Prugnolo-min 111111
TURISMO

SAGRA DEL PRUGNOLO

e Giornate del Pastore

.

 Pieve Santo Stefano

 Gratis

Tema: Prugnolo

LA MASCOTTE


“Ciao, sono Prugnolino, e vi guiderò nel percorso di degustazione dei prodotti gastronomici tipici dell’Alta Valtiberina durante l’evento”

421313787_1745735323005547644-min

L’EVENTO


Come ogni anno, nel primo fine settimana di maggio, Pieve Santo Stefano si tinge dei colori della natura, ospitando la “Sagra del Prugnolo e Giornate del Pastore”; l’evento attira da più di un decennio numerosi visitatori, curiosi di immergersi nella cultura contadina e di assaporare il fungo Prugnolo, prodotto tipico dell’Alta Valle del Tevere.

Come è ovvio che sia, il Prugnolo sarà l’indiscusso protagonista della manifestazione, ma non mancheranno stand gastronomici ed iniziative volte a promuovere e far conoscere le altre eccellenze del territorio.

In occasione della XV edizione (in programma per il 6/7 maggio 2017) sarà ospite a Pieve il Dr. Giovanni Tricca, che sabato 6 maggio presenterà presso il Teatro Comunale Giovanni Papini il progetto “I Cammini di Francesco in Toscana”; contestualmente, l’Associazione Pro Loco presenterà alla cittadinanza il “Progetto Sentieri”, finalizzato alla realizzazione nel biennio 2017/18 di una rete di sentieri escursionistici nel territorio di Pieve, valido mezzo per la promozione del turismo locale. 

INFORMAZIONI


Di seguito il programma ufficiale della manifestazione:

( ecco il link per scaricare tutto il programma in pdf )

18156062_1504711902925008_891272134654155598_o
18121486_1504712256258306_1908462672473706245_o
18076711_1504711216258410_3953306362639504456_o

DICONO DI NOI


Direttamente da Saturno Notizie:

Il fungo è il padrone indiscusso dell’evento, ma tanti altri saranno quelli collaterali a farsi dalla presentazione dei Cammini di Francesco

E’ praticamente tutto pronto a Pieve Santo Stefano per l’edizione 2017 della Sagra del Prugnolo e le Giornate del Pastore. L’appuntamento è per il weekend, confidando ovviamente anche nelle condizioni meteo favorevoli. Il fungo di questo periodo è sicuramente il protagonista indiscusso di questa due giorni nel centro di Pieve, ma tanti altri sono gli eventi collaterali. Il tutto, è bene precisare, è organizzato dalla Proloco con in testa il presidente Luigi Locci. Ma non solo gastronomia di alta scuola come abbiamo detto: si aggiunge cultura, sport, spettacoli, giochi, mostre, dibattiti che faranno da ‘contorno’ ad una delle sagre più attese e appetitose della Valtiberina. L’ex asilo Umberto I sarà il fulcro della sagra per quanto riguarda l’aspetto gastronomico: il sabato sarà a cura della Proloco, mentre la domenica a pranzo il timone passerà nelle mani dei vari ristoratori di Pieve Santo Stefano. Sa il “Mi Cocco” avrà l’onore di occuparsi dell’antipasto, La Terrazza sul Lago preparerà dei primi piatti; la Baita dell’Imperatore il secondo e Il Portico che chiude in bellezza con i dolci. Tra gli eventi collaterali è bene ricordare il sabato alle 16 la presentazione del progetto legato a “I Cammini di Francesco”. Basta poco per capire che si tratta di un appuntamento da non perdere.

Direttamente da La Nazione:

Week-end con la sagra del prugnolo fra gastronomia, cultura, spettacoli

Come scegli, scegli bene. Strapazzata di prugnoli come antipasto, passatelli di prugnoli come primo e raviggiolo, ovviamente ai prugnoli, di secondo. Da leccarsi i baffi anche se i menù saranno tantissimi, variegati e soprattutto prelibati per la quindicesima edizione della Sagra del Prugnolo e Giornate del Pastore in programma nel prossimo week-end di Pieve Santo Stefano.

Ma non solo gastronomia di alta scuola, cultura, sport spettacoli, giochi, mostre, dibattiti faranno da “contorno” ad una delle sagre più attese e appetitose della Valtiberina organizzata dalla locale Pro Loco del presidente Luigi Locci.

Il re sarà ovviamente il prugnolo, per la scienza “calocybe gambosa” ma che si può anche chiamare “tricholoma georgii” perché fa la sua prima comparsa ai margini dei boschi per San Giorgio cioè il 23 aprile.

Quest’anno saranno ancora due giorni satolli ma la sfida, ed è solo per modo di dire, sarà all’ex asilo Umberto I dove il giorno di sabato sarà presentato il menù a cura della Pro Loco mentre la domenica si mangia alla carta con le creazioni dei ristoratori di Pieve Santo Stefano, vale a dire il “Mi Cocco” che fa l’antipasto, “La Terrazza sul Lago” che cura il primo, “La Baita dell’Imperatore” il secondo e “Il Portico” che chiude in bellezza coi dolci.

Difficile scegliere quello più buono, più facile però fare un salto in riva al Tevere, a Pieve Santo Stefano, e apprezzare una gastronomia dai sapori antichi rivisitati con la maestria di un territorio che sa sempre dosare alla perfezione cultura e cibo, proprio come il tagliolino all’uovo che sposa il prugnolo. Un classico che non passa mai di moda. E a Pieve Santo Stefano, sabato 6 e domenica 7 maggio di piatti così ce ne saranno molti. Cotti e mangiati, anzi assaporati come il miglior gourmet.